Cerca

Il mondo urla dietro la porta

Libri, biscotti, sangue e caffè

Le (ec)citazioni #34: Delicati uccelli commestibili

Se state pensando al porno vi sbagliate di grosso. Non mostreranno nulla ma saranno sensuali, violente, deludenti, insomma intime. Saranno citazioni che ricorderanno perché non è tutto come nei film.

delicati uccelli commestibili-il mondo urla dietro la porta Continua a leggere “Le (ec)citazioni #34: Delicati uccelli commestibili”

Una nuova realtà indipendente: Edizioni Black Coffee

LogoBlackCoffee_VETTORIALE-trasparente-495x400

Black Coffee era nata come collana editoriale di Edizioni Clichy, una piccola realtà fiorentina che recupera ancora gialli e classici francesi, e pubblica narrativa per bambini. Da qualche tempo Black Coffee è diventata una realtà editoriale indipendente attraverso alcuni accorgimenti: mantiene il nome, ha una veste grafica rinnovata e il suo campo d’azione si estende. Gli Stati Uniti restano i protagonisti ma le opere scelte spazieranno dalla narrativa alla non-fiction, con un gusto per il longform dimostrato dalla collaborazione con la rivista The Believer (i cui articoli tradotti sono disponibili sul sito della casa editrice). A inaugurare Black Coffee c’è stato l’esordio di Alexandra Kleeman con Il corpo che vuoi apice di una narrativa contemporanea americana che guarda a precedenti illustri (come ho spiegato qui).

Ho intervistato Sara Reggiani e Leonardo Taiuti, i due traduttori e ora editori che da tempo coltivavano l’idea di Black Coffee.  Continua a leggere “Una nuova realtà indipendente: Edizioni Black Coffee”

La montagna al maschile: Le otto montagne di Paolo Cognetti

Paolo-Cognetti-Le-otto-montagne-1

Gravitano sempre lì, i libri di Paolo Cognetti, attorno a una percezione tipica che si ripresenta per ogni suo libro. Nel caso delle Otto montagne la sensazione è quella dell’intimità che prevale in maniera inaspettata rispetto a quella che da sempre caratterizza le storie dell’autore. Il mezzo è sempre una scrittura mirata, una decisione di intenti e di immagini che si concretizza in uno stile elegante, asciugato da ogni abbellimento.

A decorare le storie sono i personaggi: Pietro, un bambino di città, che scoprirà la montagna, e Bruno, il bambino legato alla montagna da un cordone ombelicale indissolubile. E poi c’è la montagna, un microcosmo sconosciuto, fatta di paesini anonimi come quello di Grana dove «c’era un disprezzo per le cose, un certo gusto nel maltrattarle e lasciarle andare in malora» e di abitanti invisibili, mimetizzati al silenzio d’alta quota, divorati dal silenzio stesso. Per essere un luogo inventato a tutti gli effetti, permeato dall’esperienza di chi scrive, non si riduce a semplice scenografia sulla quale attaccare i personaggi. Non è più neanche un luogo, ma un deposito di valori e di sentimenti.

Continua a leggere “La montagna al maschile: Le otto montagne di Paolo Cognetti”

In Libreria: marzo 2017

Una selezione di pubblicazioni interessanti del mese. Si tratta di un modo per tenere traccia di titoli che per me rivestono un certo interesse e che potrebbero finire dritti in wishlist. Sono scelte personali che, per ovvi motivi di spazio, non potranno restituire una visuale completa sulle pubblicazioni e la miriade di case editrici esistenti. Cercherò di mantenere una certa varietà nelle scelte che, spero, sapranno plasmarsi e imparare nuove sfumature di gusto. Capirete che l’uscita dei titoli può essere soggetta a ritardi e altre difficoltà, lacune che potrete colmare voi con segnalazioni e suggerimenti.

in libreria-logo-ilmondourladietrolaporta Continua a leggere “In Libreria: marzo 2017”

Le (ec)citazioni #33: Storie

Se state pensando al porno vi sbagliate di grosso. Non mostreranno nulla ma saranno sensuali, violente, deludenti, insomma intime. Saranno citazioni che ricorderanno perché non è tutto come nei film.

amy hempel Continua a leggere “Le (ec)citazioni #33: Storie”

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: