Cerca

Il mondo urla dietro la porta

Libri, biscotti, sangue e caffè

L’evoluzione della paura: La cosa marrone chiaro di Fritz Leiber

Paradosso fisico e metafisico, realtà alterate e suggestioni. Decisamente poco per descrivere la letteratura dell’orrore. In una ramificazione di stili e generi, chi si dedica all’orrore porta con sé un fascino inevitabile: occhi e mente in una duplice visione, un’eterocromia narrativa e creativa in grado di ottenere risultati sempre diversi. Un posto d’onore andrebbe a Fritz Leiber, scrittore americano che si è cimentato nel fantasy, nella fantascienza e nell’horror. La cosa marrone chiaro e altre storie dell’orrore (pubblicato da Cliquot con la traduzione e la cura di Federico Cenci) dona all’autore statunitense nuova vita editoriale dopo le molteplici edizioni Urania. Nuova vita caratterizzata dall’ordine e dalla precipua visione della casa editrice romana che – in modo simile a quando aveva fatto per Salgari – ripropone l’autore circoscrivendo la sua attività nel genere horror: l’edizione raccoglie sette racconti inediti e la prima stesura di Nostra signora delle tenebre sotto il nome de La cosa marrone chiaro. Continue reading “L’evoluzione della paura: La cosa marrone chiaro di Fritz Leiber”

Annunci

Tra letteratura e fumetto underground: intervista a Stefano Pirone di Pidgin edizioni

pidgin edizioni

L’interesse per le case editrici piccole e indipendenti deriva da un fascino che ha a che fare con un sentimento ambiguo. Da una parte il dinamismo che muove il piccolo editore lo isola dalle grandi realtà editoriali e fa del suo catalogo, della sua idea di libro, uno spirito di sacrificio alimentato dalla passione con un occhio sempre al mercato. Perché anche se non risponde alle aspettative economiche di una grande casa editrice, la valorizzazione del lavoro subisce una ramificazione rizomatica che sta all’editore intuire. Nel piccolo le distanze si accorciano, tra editore e collaboratori, tra editore autore e lettori. Anche in una gerarchia così organizzata, si fa del contatto e del continuo confronto un valore aggiunto alla missione proposta. L’ambiguità sta nello stesso ruolo dell’editore, un imprenditore particolare perché non chiude mai la valvola della missione culturale mentre prova ad adattarsi e a plasmare le occasioni del mercato.

Ogni realtà indipendente è diversa dalle altre, è rischioso persino generalizzare. Così come è rischioso far coincidere il panorama delle statistiche sui libri e la lettura con una realtà impossibile da cambiare. Non si deve generalizzare proprio perché nascono nuove iniziative editoriali come Pidgin edizioni. Realtà napoletana che dichiara sin dal nome un obiettivo ben preciso: fare degli stimoli più disparati un idioma unico e distintivo con il semplice obiettivo di pubblicare letteratura e fumetto underground. Ho intervistato l’editore e traduttore Stefano Pirone per avere qualche informazione in più sulla casa editrice appena nata. Continue reading “Tra letteratura e fumetto underground: intervista a Stefano Pirone di Pidgin edizioni”

In Libreria: settembre 2017 (seconda parte)

Una selezione di pubblicazioni interessanti del mese. Si tratta di un modo per tenere traccia di titoli che per me rivestono un certo interesse e che potrebbero finire dritti in wishlist. Sono scelte personali che, per ovvi motivi di spazio, non potranno restituire una visuale completa sulle pubblicazioni e la miriade di case editrici esistenti. Cercherò di mantenere una certa varietà nelle scelte che, spero, sapranno plasmarsi e imparare nuove sfumature di gusto. Capirete che l’uscita dei titoli può essere soggetta a ritardi e altre difficoltà, lacune che potrete colmare voi con segnalazioni e suggerimenti.

N.B.: questo mese, data la mole delle nuove uscite, ho deciso di dividerle in tre categorie in modo da dare un’idea sul tipo di pubblicazioni che apriranno l’ultima parte dell’anno.

Clicca qui per la prima parte delle uscite di settembre.

in libreria-logo-ilmondourladietrolaporta

Continue reading “In Libreria: settembre 2017 (seconda parte)”

In Libreria: settembre 2017 (prima parte)

Una selezione di pubblicazioni interessanti del mese. Si tratta di un modo per tenere traccia di titoli che per me rivestono un certo interesse e che potrebbero finire dritti in wishlist. Sono scelte personali che, per ovvi motivi di spazio, non potranno restituire una visuale completa sulle pubblicazioni e la miriade di case editrici esistenti. Cercherò di mantenere una certa varietà nelle scelte che, spero, sapranno plasmarsi e imparare nuove sfumature di gusto. Capirete che l’uscita dei titoli può essere soggetta a ritardi e altre difficoltà, lacune che potrete colmare voi con segnalazioni e suggerimenti.

N.B.: questo mese, data la mole delle nuove uscite, ho deciso di dividerle in tre categorie in modo da dare un’idea sul tipo di pubblicazioni che apriranno l’ultima parte dell’anno.

in libreria-logo-ilmondourladietrolaporta

Continue reading “In Libreria: settembre 2017 (prima parte)”

Crisi: Il Nix di Nathan Hill

nathan hill-il nix

Si citano nomi come David Foster Wallace e Thomas Pynchon per Il Nix di Nathan Hill (traduzione di Alberto Cristofori, Rizzoli, 2017), opera enorme di esordiente, frutto di una composizione durata dieci anni. Sicuramente ha il pregio di una storia accattivante abilmente ramificata tramite una miriade di personaggi. Il racconto ha inizio con l’attentato a un possibile candidato alla presidenza, con un’immagine pubblica molto simile a Trump, da parte di una donna. E proseguirà con Samuel abbandonato dalla madre quando era un bambino. Da questo momento in poi piccoli traumi e dubbi infantili si ripercuoteranno nella vita adulta sotto forma di rabbia repressa e un superiore disprezzo verso i propri, indisciplinati, studenti. Samuel è un insegnante, ma nella vita privata contempla il fallimento di una carriera da scrittore e uno sfogo compulsivo con un gioco online. In una polifonia di interventi dal protagonista ci sposteremo su altri personaggi: Laura Postdam, studentessa dalle esigue aspettative per il futuro; Pwnage, un videogiocatore compulsivo e un procrastinatore seriale; Faye, madre fallita. Su un binario parallelo proseguirà la storia di Samuel, dall’infanzia, e di quella di sua madre. I capitoli intrecceranno il figlio che cercherà di vendicarsi scrivendo una biografia della madre e la storia della madre stessa che incontra le vicende delle proteste studentesche del 1968 a Chicago. Continue reading “Crisi: Il Nix di Nathan Hill”

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: